home about me viaggi sport foto email
DIARIO DI VIAGGIO Marocco 24 aprile - 5 maggio 2007

Visualizzazione ingrandita della mappa
 

Royal Maroc airlainsChe bello viaggiare! Eccoci a fare un altro bel viaggio! Stavolta si va in

AFRICA del nord: MAROCCO!!!

Ho preso i biglietti via internet, anche questa volta a un buon prezzo! (348€ x 2 = 696€) Compagniaaerea ROYAL AIR MAROC - tratta Roma-Casablanca con partenza alle 13:50 e Casablanca-Agadir con partenza alle 17:00.
Sono felicissima di fare una vacanza di SURF! Mi mancava tantissimo! Ho coinvolto anche il mio ragazzo e per questo faremo un SURFCAMP.

Spero di riuscire a dare tutto il meglio di me stessa, divertirmi, e riempirmi l'anima di positività e di energia!
Ho voglia di staccare con la vita di tutti i giorni!

Ho da poco finito di leggere un libro di Tiziano Terzani, "La fine è il mio inizio" che mi ha insegnato un bel pò di cose, come la voglia di vivere e di avere sempre avventure nella vita, ne ho iniziato un altro che parla del buddismo... che bello, nella vita c'è sempre da imparare!

Tornando al viaggio, questa volta non mi sono documentata per niente, perché presa da altre cose non ho avuto tempo per farlo.

Simona ... diario Mentre scrivo sono a Tamraght, 20 chilometri a nord di Agadir, dove si trova la nostra surfhouse.
Qui siamo insieme ad altre persone provenienti da diversi posti del mondo, chi più esperto e chi invece è alle prime armi con il surf. Ci sono: I francesi; Ludo e Brus di Axe en Provence, Sebastian di Parigi e Emelin di Marsiglia, 2 ragazze inglesi, dall'America 1 californiano, infine gli italiani; un gruppo di 10 persone da Torino, Mirko da Roma, Giuliano da Senigallia (AN) e gli istruttori marocchini: Rashid, Indi e Tarek. Qui tutti sono tranquilli e socievoli, e tutto è molto rilassante.
vista da Dynamic Loisir
Il posto è molto spartano, situato in cima a una collinetta vista mare, da dove possiamo osservare le onde e capire in quale spot andare. Gli spot visibili sono "CRO CRO" e "DEVIL ROCK", e in lontananza sulla destra si intravede "ANCHOR POINT".
vista su Cro Cro surfspot
stanza marocchina
La stanza dove dormiamo è molto particolare, tipica delle case arabe. Le stanze non hanno finestre che danno all'esterno, ma affacciano in un cortile interno, che è un vero e proprio chiostro.
Oddio, all'inizio mi ha fatto un pò strano, ma poi mi è sembrata particolare e caratteristica e c'ho fatto l'abitudine.
Tamraght vista dal mare
   
Tamraght
La zona è ancora poco sviluppata per quanto riguarda il turismo, ma già alcune ruspe stanno lavorando, spianando il terreno davanti al mare, per costruire purtroppo dei futuri alberghi gestiti da americani. Chissà come diventerà un giorno anche questo posto?!!
Erano 4 anni che non facevo surf, e riprendere non è facile! Ma con le giuste onde e qualche insegnamento in più, sicuramente riuscirò a surfare queste onde del Marocco!
Durante la giornata riusciamo a fare 2 session, che coincidono con il momento migliore per le onde, ovvero quando sale la marea e le onde incalzano e diventano più grandi.
La prima di solito dura di più, poi la seconda intervallata dal pranzo con una specie di panino che ci preparano quelli del surf camp, dura un pò meno perchè nel pomeriggio il tempo cambia sempre ed entra un vento che spesso ci fa scappare via.
Diciamola tutta, è anche un pò la stanchezza che ci fa combinare poco il pomeriggio!
cro cro
La giornata si svolge così:
pickup con surf
Colazione e cena si fanno tutti insieme attorno a un tavolone di cemento in una veranda dominante sul mare.
La "mami" così chiamata, la mattina prepara il pane per tutti e Fatima il tè e il caffè.
Verso le 7:30 ci si sveglia e dopo aver fatto colazione si prendono le mute, le tavole e si caricano sul pickup e sul furgone che ci portano allo spot sottostante. Arrivati in spiaggia dopo aver scaricato le tavole, prendiamo posto accanto a delle grandi rocce lontane dal mare, in modo che quando sale la marea l'acqua non arrivi fin lì.
Dopo un pò, con molto relax, aspettando sempre la migliore situazione del mare per entrare, cominciamo a fare riscaldamento.... io la mattina ho una fiacca! Una corsetta sulla spiaggia mi fa capire subito che sono fuori allenamento! Poi si entra in acqua e qui comincia il bello!!!
nel pickUP
Una volta ricaricate le tavole sul pickup si torna tutti alla Surfhouse, e dopo una bella doccia si sta con gli altri nel cortiletto interno dove affacciano le nostre stanze, o a prendere una birra sulla fantastica terrazza dominante il mare, dove abbiamo visto dei tramonti spettacolari.
mute surf
cena al Dynamic loisir
La sera alle 20:00 puntuali tutti a tavola per la cena.
Fatima ci prepara una cucina marocchina buonissima! Anche se le quantità non sono poi così abbondanti, sarà per la fame esagerata che ci ritroviamo un pò tutti a fine giornata!
E per finire la giornata ci gustiamo un tè verde alla menta tipico marocchino, servito in piccoli bicchieri di vetro, e versato dall'alto in modo particolare, penso, per un più rapido raffreddamento. Due chiacchiere insieme davanti a un video di surf, si rivedono le foto scattate durante la giornata e stremati si va a dormire sognando il giorno che verrà...
Surfhouse terrazza
     

 

...5 giorni dopo l'arrivo a Tamraght

Siamo qui ormai da cinque giorni, dimenticandoci di tutto e di tutte le nostre abitudini italiane.
Qui il surfcamp è molto spartano, ma essendo gestito da europei, i prezzi sono un pò alti... In genere la gente che decide di andare in posti spartani paga poco pretendendo poco e si adatta, ma se si va in un posto dove non paghi poco, di certo non ti aspetti di trovare un posto spartano! Vabbè non polemizziamo, ma i bagni facevano veramente pietà!

...continuiamo a goderci la vacanza ...

Oggi sono partiti i ragazzi di Torino; Giggi, Pietro, Pietro, Francesca, Giovanna, e domani partiranno Emelin la francese e Mirko di Roma, e arriveranno altre persone... questi posti sono così.... gente che viene e gente che va. E' fortissimo parlare con persone di tutto il mondo, lingue diverse, abitudini diverse, e sarebbe bello che ognuno mantenesse le proprie per non rendere troppo uguale questo mondo!

Ed ora parliamo un pò di SURF!

CRO CRO surfspot Tamraght Marocco

simo surf
In questo periodo le onde non sono grossissime, come in inverno, ma perfette per noi che dobbiamo imparare e per me che devo riprendere coraggio e capire tante cose che non mi sono mai state insegnate.
Il surfcamp è l'ideale per chi è alle prime armi con il surf, ed anche molto divertente, perché si sta sempre tutti insieme e ci si carica l'un l'altro.

Oggi 1° maggio, il mare era più grosso del solito.
Del gruppo, siamo rimasti io e Mauro, 4 spagnoli e 2 russi di Mosca.
Siamo stati alla sinistra del roccione, accanto allo spot di Cro Cro. Ieri mi ero promessa che oggi avrei preso delle belle onde... e così è stato!
La mattina ero molto tranquilla e decisa... ho voluto ripulire la "mia tavola" (quella data dal surfcamp), e dopo aver fatto un pò di riscaldamento sono entrata in acqua con gli altri.
simona surfing
 
SURFspot MAROCCO
 
     
simo e mau surf
Indy è entrato in acqua con noi, portando me Mauro e lo spagnolo sulle onde più grosse.
Il mare era un pò un marasma e per entrare dovevamo passare vicino alle rocce per non prendere troppa corrente. Una volta dentro arrivavano belle onde e dopo averne persa qualcuna sono finalmente riuscita a prenderne 2 belle! Finalmente ce l'ho fatta!! Mi è passata la paura!
simo Indy sur

Entro in acqua, passando tutte le schiume e le onde più alte...
remo remo senza fermarmi...
supero l'ultima onda sormontandola e vedendo l'orizzonte senza più schiume,
finalmente sono arrivata sulla line-up!
Ed ora riprendo fiato, un bel respiro e non solo uno,
mi guardo in giro... altri surfisti che fanno paddling da e verso il mare...

Guardo Indy che mi dice di rientrare un pò "come in" ed io, un altro bel respirone e sono subito da lui dove rompe l'onda.

Aspetto un pò e lui dice:- Paddle Paddle, go go, quickly stand-up! -:

Ed io sono lì sull'onda che mi spinge portandomi verso riva.
Mi sento alta, mi sento grande, sento i piedi che fanno presa sulla tavola...

Siii!!! Ce l'ho fatta!! Finalmente riesco a cavalcare un onda!

Gita a TAFROUTE - 3 maggio 2007
strada per Tafroute

Anche in questo posto ci sono giorni di piatta per le onde, così è bastato un attimo per organizzarci a fare un'altra cosa, visto che tra pochi giorni si riparte. In questi giorni ci sono dei ragazzi spagnoli che sono venuti fin qui partendo da Barcellona con la moto!
La mattina dopo aver fatto colazione e viste le condizioni del mare dalla veranda, abbiamo optato per aggregarci agli spagnoli che si stavano organizzando per fare una gita nell'entroterra. Unico problema era con che mezzo andare. Idea! David il francese ha la macchina! Si, coinvolgiamo anche lui così più siamo meglio è! ...si parte per Tafroute! Senza carta geografica, e con l'ago della benzina che non funzionava, un pò all'avventura ci siamo diretti verso le montagne del Marocco.
Il viaggetto è durato ben 4 ore!! Tutta strada di montagna, in un paesaggio brullo, ma con dei colori che ti rimangono impressi nella mente....
I quattro ragazzi spagnoli erano arrivati solo una mezz'ora prima di noi... la strada è stata veramente tremenda! Curve, curve e curve in salita! Per non dire poi le volte che abbiamo sbaligato strada! Da Agadir inboccare la strada giusta non è stato semplice! Appena arrivati ci siamo ritrovati tutti in un posticino per mangiare una specie di spiedino tipo arrosticino e patatine fritte buonissime!

strada Tafroute amici spagnoli Tafroute

Dopo mangiato abbiamo fatto un giro per il paesino, scatttato un pò di foto e visto un pò di artigianato locale.
L'attrattiva del posto comunque non era il paesino, l'ho scoperto solo alla fine, ma erano dei sassi giganti colorati di blu da un artista degli anni 70, situati nella vallata limitrofa il paese. Che forza! Sembrava un paesaggio alieno. Ci siamo arrampicati per scattare qualche foto, che non sono mai riuscita a vedere.... sto aspettando ancora gli spagnoli che me le inviino.

Il viaggio di ritorno è stato altrettanto lungo, ma ci ci siamo goduti un altro paesaggio spettacolare passando per un'altra strada, attraversando una serie dii tornanti interminabili fino al calar del sole. La gita è terminata, facendo ritorno al camp verso le 21:00, un pò tardi per cenare tutti insieme. Non ricordo bene se alla fine siamo riusciti a mangiare qualcosa.....

 

.....continua....

 

Simona Ranieri


 

 

CSS Valido!

Votaci su Net-Parade.it sito Guestbook

© 2008 SR production