home about me viaggi sport foto email
BORNEO (Malesia) - Diario di viaggio
Borneo
Moneta: Ringgit- Official Currency

 

Fuso orario rispetto a Greenwich:

+ 7 ore -1 ora se c'è l'ora legale in Italia
 
Nome in lingua originale: Bahasa Malesiano,
Forma di governo:
Capitale: Singapore
 
Lingue parlate:diffusa la lingua inglese.
Egypt Air AirAsian
9ago:
Roma-Il Cairo 13:55

10ago:
Cairo-Kuala Lumpur 00:25
__________

4sett:
Kuala Lumpur-Cairo

5sett:
Il Cairo-Roma

voli interni

11ago:
Kuala Lumpur-Kuching 8:20-10:05

12ago:
Kuching-Kota Kinabalu 21:50-23:15

24ago:
Tawau-Kuala Lumpur 10:30-13:15

LCCT airport KUL
indice

Viaggio dal 9 agosto al 4 settembre 2010 - BORNEO e MALESIA

  9-10 agosto - viaggio

Quest'anno partirò con un'amica, Dea e con un gruppo di persone con destinazioni diverse, e farò anche una parte del mio viaggio da sola.

Si parte... sono 2 mesi che sto organizzando questo viaggio, sempre con l'aiuto della "Lonely Planet" e di internet. Ho trovato un biglietto conveniente grazie a Daniela, una ragazza che da anni organizza viaggi nella zona con piccoli gruppi di amici e non prenotando dei biglietti per tempo, sono riuscita ad usufruirne anch'io insieme alla mia amica Dea.
Ci ritroviamo tutti in aeroporto per mezzogiorno e a nostra sorpresa durante lo scalo a "IL CAIRO", la compagnia Egypt Air organizza dei minitour per i passeggeri in transito con lunga sosta prima di riprendere il volo. Così anche se in orario notturno, siamo riusciti, pagando 12€ a fare un giro con un pullman x vedere le piramidi ma solo dall'esterno e vicine alla città.

Al ritorno l'aereo ha riportato anche 2 ore di ritardo, ma ne abbiamo approfittato per conoscere altri turisti, tra spagnoli e francesi.

Arrivo di sera, un pò intontiti dal viaggio, ci dirigiamo dopo un coordinamento lento tra di noi all'Hotel Tune vicino aeroporto voli lowcost. Siamo un gruppo di circa 15 persone e non è così facile coordinarci.

Il Tune è un buco. E risulterà l'albergo più caro di tutto il viaggio (almeno per me e Dea).

 
mercoledì 11 agosto - KUCHING  

Kuching

Kuching

Kuching

Kuching

Presidente Sarawak

Sveglia alle 6:00. La scelta dell'albergo è stata buona soprattutto per la vicinanza all'aeroporto LCCT (low cost carrier terminal) per andare a Kuching, una delle città della Malesia, capoluogo dello stato federale del Sarawak.

Kuching

In aeroporto ci è venuto a prendere un ragazzo del Lodge121, il posto dove abbiamo dormito 1 notte per 62 RM compresa la colazione (circa 15 € 2 letti). Il posto è abbastanza carino e c'è una saletta dove ci si può rilassare su dei comodi cuscinoni in terra.

Premessa: In questo viaggio ho prenotato diversi alloggi dall'Italia, per evitare di perdere tempo avendo tempi stretti soprattutto per i trasferimenti.

Siamo uscite subito per fare un giro e per cambiare i soldi in banca (1 euro vale circa 4 ringint).

Kuching, nella lingua locale, significa "gatto", ed è pertanto conosciuta come "La città dei gatti". Per le vie e le piazze si possono incontrare numerose statue che raffigurano gatti, e a tale animale è dedicato un museo, che siamo andate subito a visitare, il "Cat Museum". Carino per chi è amante dei gatti.

Al ritorno abbiamo fatto l'autostop, perchè non sapevamo dov'era la fermata del minibus pubblico preso all'andata. Una signora molto gentile ci ha accompagnate di nuovo a Kuching, lasciandoci in un mercato molto caratteristico, dove c'era una festa in onore al Ministro del Sarawak che poco dopo abbiamo visto girare per il mercato.

In questo periodo, per i musulmani inteso come 9° mese dell'anno, per 30 giorni, si pratica il RAMADAN durante il quale i musulmani praticanti debbono astenersi dall'alba al tramonto dal bere, mangiare, fumare e dal praticare attività sessuali. Per il 2010 il periodo va dal 11 agosto al 9 settembre. E' difficile quindi trovare posti dove cucinano.
Dopo una lunga passeggiata siamo tornate al lodge, doccia e per trovare un posto dove poter mangiare è stata un pò dura, ma alla fine lungo il fiume, siamo riuscite a mangiare in un posto più turistico.

Kuching Cat museum

Moschea di Kuching

mercato Kuching

Kuching

Simo

giovedì 12 agosto - Bako National Park  

Bako National Park

Bako National Park

Bako National Park

Bako National Park

 

Sveglia alle 6:45, colazione al fai da te nell'ostello e 10 minuti fino alla stazione dei bus, dove solo quando è pieno parte (RM 3). In un'ora circa si arriva all'imbarco, dove si paga l'ingresso al parco (RM10) e poi su una barchetta da pochi posti si pagano circa altri 50 RM solo per l'andata e ci si mette daccordo per l'orario per tornare con la stessa barca.
Io, Dea e 2 spagnoli partiamo per il Bako National Park.

All'arrivo c'era bassa marea, così già con le scarpe chiuse per affrontare il parco, siamo scese a piedi nudi per fare un bel pezzo lungo la spiaggia.

Ci registriamo e comincia il giro. Si sale, e si sale in mezzo alla foresta su una collina a picco sul mare. Scegliamo il percorso più breve, di sole 2 ore per andare e 2 per tornare, la barca non aspetta. Il clima è umido e fa caldissimo ma il paesaggio è piacevole, in salita all'ombra di alberi altissimi. Palme, liane, piante di tutte le specie. Nel percorso abbiamo incontrato dei piccoli gruppi di persone con la guida, noi invece da sole. Il pezzo peggiore è quando si esce dalla foresta che si fa un bel percorso sotto il sole cocente. Ancora con il fuso orario da regolarizzare.

Si arriva finalmente a una vista mozzafiato sul mare dall'alto della montagna e si può discendere in breve tempo fino al mare. C'è altra gente, la spiaggia con la bassa marea è tutta percorribile e con il caldo che fa ci facciamo tutti un bel bagno bollente! Il mare non è proprio limpidissimo, forse per la sabbia fina che si smuove.

Si rimane un pò in spiaggia avendo anche la possibilità di tornare con delle barche che cercano turisti, torniamo indietro per lo stesso percorso, ma stavolta sembra anche più breve. Al ritorno ci attendeva l'alta marea, così il paesaggio visto all'inizio è cambiato totalmente. Mangrovie ed alberi erano inondati dal mare. Le scimmie saltando da un albero e l'altro cercavano di tornare sulla terra ferma, alcune nuotando... non sapevo di questa dote ;)

Alle 16:00 si torna con la barca insieme agli spagnoli. Tornate all'Ostello, doccia cena e si riparte per l'aeroporto per andare a KotaKinabalu KK (nord del Borneo).

Bako National Park

Bako National Park

venerdì 13 agosto - KOTA KINABALU  

KotaKinabalu Simona

KK

kk graffiti

KK flag

Kotakinabalu

Arrivate in serata verso le 24:00 con un taxi dall'aeroporto per RM30, ci fermiamo per 3 notti alla guesthouse "Borneo Backpackers"prenotata da Roma.

Un pò di relax nella mattinata, usciamo con comodo per fare un giro nella cittadina. Negozi, mercati, tutto abbastanza ordinato. Non mi sembra ci sia gente così povera. Si vede che il turismo ha migliorato queste zone.
Cerchiamo delle agenzie per organizzare il tour nel river Kinabatangan che faremo più avanti.

Abbiamo camminato tantissimo, tra mercati e centri commerciali. Fa caldo e l'aria condizionata nei negozi ci refrigera un pò. Che mal di piedi! Ho cercato le "Kampung adidas", citate nella Lonely Planet, che consistono in economiche scarpe utilizzate dai malesiani per fare trekking. Le ho trovate finalmente in un mercatino, ma erano talmente brutte e forse inutili che non le ho prese. Sono tipo scarpe nere da piscina alte oltre la caviglia!

In città non c'è un granchè da vedere e da ricordare, giusto il "Clock tower" che è un vecchio orologio della città rimasto intatto durante l'ultima guerra.

Cena in un locale all'aperto vicino alla guesthouse. Un tipo si è avvicinato simpaticamente e alla fine voleva venderci un pacchetto per visitare il Sabha. Il risultato è stato che l'abbiamo odiato e ce ne siamo andate. A fine serata sono passati a trovarci gli spagnoli consociuti in aeroporto! :)

Clock tower Kotakinabalu

Borneo Backpackers

kk

sabato 14 agosto - Isole Abdul Rahman Park  

agenzia kk

Simo kk

kk

Oggi visita alle isole di fronte Kotakinabalu. A soli 10 minuti a piedi dalla guesthouse prendiamo 2 biglietti per imbarcarci e per visitare 2 isole per 27Rm + 10 di permesso. Ci siamo portate maschera e tubo e abbiamo noleggiato le pinne per 5RM.

Prima di prendere la barca abbiamo cambiato i soldi per pagare in contanti la gita al River Kinabatangan per il 18-19 agosto. 385RM compreso trasporto da Sepilok, pasti e 2 pernottamenti più uscite in barca e gite notturne. Altre agenzie facevano un prezzo più alto. Vi consiglio quindi l'agenzia del porticciolo, trovata a sorpresa :)

Alle 10:00 abbiamo la barca per la prima isola. Non ricordo il nome.
Il mare è chiaro ma non limpido perchè la sabbia è un pò polverosa. La spiaggetta è piena di turisti, ma fare snorkeling e vedere dei bei pesi tropicali è stato piacevole e rilassante.
Per la seconda isola Manukan, la più grande, dovevano passare a prenderci alle 14, ma se ne sono dimenticati, forse perchè al moletto c'era troppa gente e anche sotto una leggera pioggerellina. Nell'entro terra invece deve aver diluviato.
Alle 15:00 siamo riuscite ad andare nell'altra isola, forse più bella della prima, più grande e piana di vegetazione, ma soprattutto con pochissima gente... forse era tardi :)

Per cena si ritorna a terra e si fa un giro per la cittadina fino al mercato notturno all'aperto, dove abbiamo mangiato un pesce di 2 kg, il red snapper e gamberoni per soli 35RM, circa 10 €. Il pesce era freschissimo e carnosissimo.
L'unica pecca del posto, le zanzare! Ho dinuovo le bolle con l'acqua che mi erano venute in Vietnam! :(

kk

kk island

Manukan Simo e Dea

Simo

domenica 15 agosto - Kinabalu Park - RANAU  

Mt. Kinabalu

flower

banane

flowers

simo

Simo homestay

homestay Ranau

 

Sveglia alle 6:00. Si va a piedi fino alla stazione dei bus vicino alla Guesthouse, per prendere il primo minivan (bus locale, senza prenotazione), per dirigerci al Monte Kinabalu. Ore 7:20, si parte dopo che il minivan si è riempito con 8 turisti.

Circa 2 ore per arrivare al Parco del Monte Kinabalu verso le 9:00.

Non intendiamo fare la scarpinata del Monte Kinabalu, perchè non siamo allenate e la salita mette a dura prova chiunque. Avremmo dovuto anche prenotare con molto anticipo per accedere al Monte e per richiedere i permessi.

Per 15RM si ha il solo accesso al Parco e si lasciano gli zaini alla reception. Ci sono percorsi più o meno brevi, in mezzo al bosco. Il più lungo è di 6 km. La nostra è stata una breve visita di una mattinata, in quanto molto stanche dalle lunghe camminate fatte nei giorni precedenti. Il clima è fresco e le nubi coprono le cime del Monte Kinabalu, che di rado fa capolino.
Abbiamo visto un bel giardino botanico, abbastanza interessante, dove ho fatto un bel pò di foto a fiori e piante particolari.
Abbiamo conosciuto un ragazzo del Nord Italia, Massimiliano, con il quale dopo un giro nel parco ci siamo ritrovati a mangiare nel ristorante. Subito dopo aver mangiato, abbiamo visto un video della storia del Monte... un sonno! Al buio e con l'aria condizionata per circa 30 minuti ci siamo addormentati tutti! :)

Il tempo è cominciato a cambiare fino a piovere a dirotto, proprio quando verso le 14:30 io e Dea eravamo nel minivan/taxi, preso al volo fuori dal parco, diretto a RANAU. In accordo con la ragazza che ci avrebbe ospitato nella"Homestay foreign Hot Spring", ci siamo sentite per telefono per farci venire a prendere a Ranau.

Sotto una fortissima pioggia siamo arrivate a Ranau, dove non c'è assolutamente nulla tranne 4 negozi di prima necessità su una piazza, oltre a qualche edificio in cemento.

Ci sono venuti a prendere 2 tipi con il pickup; uno più giovane l'altro un tipaccio. Non avrei mai preso in Italia un passaggio soprattutto da un tipo così.... vabbè.... è andata bene, siamo arrivate a destinazione dopo 18km. Non sapevamo bene cosa ci aspettava. Ho voluto solo prenotare in un posto economico e diverso dagli altri, ma sinceramente non avendo visto foto o altro non mi ero fatta assolutamente un'idea.

Una HOMESTAY è una casa locale dove vive una famiglia del posto e ospita turisti a pagamento. Si mangia con loro e si condivide la casa relazionandosi con i loro usi e abitudini. Un'esperienza nuova piacevole e inaspettata.

Una stanzetta con 2 letti per 15RM a testa, più mangiare e trasporti vari solo 61RM in totale. Un piccolo scorpioncino ci attendeva sulla porta della camera e quattro piccoli gattini si aggiravano per casa con mamma gatta.

Una famiglia di 4 figli, 3 sorelle e 1 fratello, di cui una sposata. Solo 2 sapevano l'inglese, così ci hanno fatto da interpreti con i genitori. Serata piacevolissima, mangiando, riso, pollo e verdure in terra sui fogli di giornale. L'acqua da bere era appena stata bollita, quindi caldissima e adatta più per un bel tè che per un bicchiere d'acqua dissetante. :)
La casa è pulita, si cammina scalzi, il bagno potete immaginare... è andata via anche la corrente, ma per poco tempo. Niente doccia... l'acqua è marrone per l'abbondante pioggia... ci laveremo in seguito. :)
Nel compenso stanno avanti con la tecnologia, computer portatile, televisione e collegamento internet.

Ci siamo divertiti a dialogare un pò ed a tradurre in inglese/malese. Belle risate!

Al letto presto. Ho un mal di testa fortissimo... sarà stanchezza ;)

Monte Kinabalu

Simo Jungle

degree

cats

 

 

lunedì 16 agosto - Poring Hot Spring - SEPILOK  

simo

flower

poring hot spring

autostop Ranau simo

simo e dea

paganakandii

harms

sunset jungle Ranau

Sono riuscita a svegliarmi all'alba per fare una foto dalla finestra attraverso la giungla. Che spettacolo i suoni e i colori di quell'alba! :)

Si fa colazione e ci danno un passaggio alle terme "Poring hot Spring", sono delle pozze d'acqua sulfurea che ci hanno rimesso in sesto. Prima però facciamo un breve percorso tra alberi altissimi, dove abbiamo girato senza altri turisti. Siamo passate sul percorso del "Canopy Walkway", ossia dei ponticelli di legno alti una 40ina di metri e sospesi tra un albero e l'altro.
Il percorso è affascinante e divertente e la giungla vista da un'altra prospettiva merita moltissimo. Che bella la natura, soprattutto senza gente e con i suoi suoni e rumori misteriosi.

Ore 12:30 ci vengono a riprendere e si torna alla Homestay, dove facciamo una scorpacciata di frutta locale appena colta dagli alberi. Ultimo passaggio per RANAU dove cerchiamo di prendere un bus locale che non ha orari precisi, ma sappiamo che passa all'incirca ogni 2 ore dopo essere partito da KotaKinabalu.

Alla fermata del bus eravamo noi e una coppia di tedeschi. Per sbaglio abbiamo accettato un passaggio da un tipo locale con il pickup già con altre 4 persone a bordo. Il pagamento di RM30 a testa non sarebbe stato neanche vantaggioso, ma l'attesa del bus ci ha fatto decidere per accettare. Grande sbaglio! Dopo pochi chilometri la macchina non andava più in salita! E pensare che avremmo dovuto fare 4 ore di viaggio! Nel frattempo ci ha anche superato il bus!
Il tipo insisteva per andare avanti e noi insistevamo per riportarci alla fermata. Abbiamo alzato la voce perchè volevamo scendere e alla fine ci siamo riusciti.

Altra attesa per il bus, ma stavolta dopo meno di 2 ore è passato alle 16:00.
Il bus impazzito ha corso esageratamente arrivando addirittura dopo sole 3 ore e mezza.
Per le 19:30 ci siamo ritrovate in mezzo alla strada al 14° mile around about, dove facendo una telefonata ci sono venuti a prendere per andare al "Pakanakandii".

Il posto è carinissimo e noi dormiremo nel dormitorio con 8 letti a castello di legno in una piacevolissima longhouse immersa nella giungla in una parte alta dominante su una vallata.
Il posto mi è stato consigliato da Brandon Presser che lavora per la Lonely Planet.
La longhouse non era piena, siamo noi, 2 ragazze di Torino Jennifer e Alessandra, che sono qui con la macchina presa a noleggio.
Ceniamo al resort con un sandwich e un succo di frutta fresca e andiamo a dormire.

tree jungle

canopy walkway

kanopywalk

Paganakandii

butterfly

martedì 17 agosto - SEPILOK e SANDAKAN  

Sepilok Orangu

Orangu Sepilok SORC

orangu Sepilok

monkey Sepilok

FSC Sepilok

FSC Sepilok

RDC bridge

simo paganakandii Sepilok

 

Colazione alle 8:30 e alle 9:00 si va con la macchina delle ragazze a vedere Sepilok Orangu-Utan Rehabilitation Centre - S.O.R.C.
Fa un caldo bestiale, c'è tanta gente e paghiamo a testa ben 30 RM+10RM per la macchina fotografica, per vedere sotto un sole cocente 4 Orangu che mangiano banane e altra frutta. Le visite ai turisti sono aperte durante l'ora dei pasti, e si può girare nel sito fino alle 12:00, quando il parco chiude per riaprire alle 14:00 per il secondo pasto.

Il percorso per andare a vedere le mangrovie è un pò lasciato allo stato selvaggio, con tronchi da scavalcare e scimmie che arrivano da un momento all'altro. Una sanguisuga ha tentato di entrare nei pantaloni di una delle ragazze e abbiamo passato un momento di panico perchè non sapevamo cosa fare. Caduta dagli alberi stava entrando nei pantaloni attraverso la trama della stoffa, allungandosi e diventando fina quasi come uno spillo. Incredibile! Che schifo! Con un accendino siamo riuscite a farla staccare.

Io e Dea torniamo indietro per un altro sentiero, loro proseguono ma ci raggiungeranno poco dopo. Nell'altro sentiero c'era più gente ed abbiamo incontrato un bel pò di scimmie. Ho fatto un sacco di foto, avvicinandomi un pò troppo forse, tanto che una scimmia mi ha caricato ed io me la sono data a gambe su per la collina! Che corsa! Che ridere! Che spavento! Temevo mi rubasse la macchina fotografica! ;)

Sepilok Forest

 

Usciamo dal S.O.R.C. e andiamo a visitare un altro parco vicino il RDC - Forest Research Centre. A nostra insaputa ci è piaciuto molto più dell'altro.

Ci sono delle canopy walkway altissime in ferro che coprono gran parte del percorso per vedere la jungla e il panorama dall'alto. Abbiamo girato nell'ora più calda quando tutti gli animali riposano, così abbiamo visto solo qualche scimmia e uccello. Il posto merita molto per il paesaggio, in mezzo a quegli alberi millenari, assolutamente da non perdere.

Si pranza vicino al parco in un b&b sulla strada prima di aver investito un serpente lunghissimo lungo la strada. Povero!

Si torna al lodge per il vero relax, per riuscire poi in serata con la macchina per Sandakan per cenare e per fare un massaggio. Per il massaggio io non sono così interessata, ma mi aggrego e si parte.

Nella zona del porto non ci sono turisti. E' tutto chiuso a parte qualche mercato all'aperto. Ci fermiamo a chiedere informazioni a dei guardiani e si avvicina un sacco di gente e qualcuno prova a parlare in inglese. Notano che abbiamo una gomma a terra e insistono nel cambiarcela. Alla fine andiamo con la nostra macchina e la loro a un distributore, la gonfiano e per ringraziarli gli diciamo che gli offriamo da bere. La serata prosegue e ci scortano per farci trovare una Spa per fare i massaggi. 98RM di massaggio! (25€). Volevo scappare e non farlo più, ma alla fine accettavano la carta di credito ed ho ceduto. Mai più a seguire le abitudine di altra gente non simile a me. Finiamo tutti a mangiare e gli offriamo pure la cena! mmm....

people SORC

Orangu SORC

orangu

simo jungle

FSC

snake

squirrel Sepilok

simo relax

 

mercoledì 18 agosto - river KINABATANGAN  

simo

simo e dea bus

river kinabatangan

 

Mattinata tranquilla trascorsa al resort, con pranzetto al volo con i primi buoni fried noodles della vacanza, aspettando il pick-up delle 12:40 per il river Kinabatangan, una gita di 3 giorni e 2 notti al "Nature Lodge".

Un minivan ci viene a prendere e in 2 ore arriviamo al fiume dove con una barchetta insieme ad altri turisti siamo andati sull'altra sponda al Nature Lodge.

Siamo sistemate in una piccolo dormitorio da 4 posti insieme alle altre 2 ragazze italiane che ci hanno raggiunto più tardi con la loro macchina.
Il posto è molto carino, sul fiume e in mezzo alla giungla.
Si parte subito per un giro di 3 ore fino al tramonto con delle barchette da circa 10 posti.

Abbiamo visto un sacco di animali, aquile, aironi, scimmie nasiche, scimmie macaki, un varano e un coccodrillo a pelo d'acqua e per finire in dolce sin fundo gli ELEFANTI!! Siamo stati molto fortunati per vederli, ne abbiamo visti una ventina, perchè si stavano spostando lungo il fiume per risalirlo in branco. Elefanti grandi e piccoli si chiamavano l'un l'altro per procedere il loro cammino, senza lasciare indietro nessuno. L'ultimo elefantino ha addirittura attraversato il fiume. Troppo carino!

Sera: Cena tutti insieme e per le 21 abbiamo fatto un'uscita notturna a piedi nella giungla. Non mi è piaciuta molto, perchè abbiamo visto poco e niente.

simo e dea

dea

river Kinabatangan

elephant

giovedì 19 agosto  

lago Ox

jungle river kinabatangan

monkey

simo tree

Stamattina ci siamo dovute svegliare all'alba per andare a fare il giro con la barca alle 6:00. Con un pò di sonno e di controvoglia non abbiamo visto neanche molti animali, meglio ieri.

Si ritorna per fare colazione e si riparte per fare il giro a piedi fino al lago Ox, che sembra un fiume. Passeggiata più piacevole di quella notturna, con gli stivali in mezzo al fango, abbiamo visto piante particolari, qualche insetto e un bel serpentello fino e lungo che si trovava sulle foglie di una pianta all'altezza del collo. La guida ci ha fatto vedere anche una "bella" sanguisuga in azione sul suo polso, e ci ha fatto mostrato come toglierla..... piano piano tirandola, solo perché aveva attecchito da poco, altrimenti dovrebbe togliersi con l'accendino. Che schifo!

Si torna per pranzo con una fame da lupi e si riesce in barca per il giro sul fiume.
Il tour è un pò ripetitivo, ma se si vogliono vedere gli animali, ogni volta si trova qualcosa di diverso. Oggi per esempio niente elefanti, solo molte scimmie ed abbiamo assistito a una scena divertente... tra una sponda e l'altra su un affluente del fiume più grande, c'erano delle corde altissime per far attraversare le scimmie da una parte all'altra. Le abbiamo beccare in pieno assistendo anche a una fuga di scimmie che tornavano indietro per aver incontrato razze differenti e territoriali che le attendevano dall'altra parte della giungla.

Sera cena tutti insieme a buffet e niente passeggiata... relax tra i pipistrelli che svolazzavano sotto il gazebo.

snake

eagle

Dea boat

house borneo

leeche

simo money

venerdì 20 agosto - SEMPORNA  

Semporna

 

Partenza dal river ore 8:30, con barca e minivan fino al punto d'incontro con il bus locale per Semporna. Il conducente del minivan ci ha prenotato i posti sul bus successivo, facendo una telefonata allo stesso conducente. Probabilmente era un amico :)

Finalmente il bus di collegamento. L'autista si stava dimenticando di farci scendere. RM35 anche se ci stavano sparando 45RM per arrivare fino a Semporna dalle 9:30 alle 13:00, quasi 4 ore di viaggio, ma la strada è asfaltata e non trafficata.

All'arrivo a Semporna era come la immaginavo, niente di che. Una ragazza locale ci ha accompagnato subito, dandoci un passaggio con il minivan, all'agenzia Singamata, dove avevamo già prenotato per lo snorkeling e visita delle alcune isolette.

Abbiamo pagato 300RM a testa per 2 notti (70RMx2) e 2 giorni di snorkeling (80RMx2), compreso mangiare, ossia sono circa 40€ al giorno a testa. E' uno dei posti più economici e si dorme su delle palafitte a largo non troppo lontano dalla costa.

Per la notte abbiamo dormito al "Borneo Global Backpakers". Posto tranquillo vicino al porto, con stanze da circa 6/8 posti letto a castello. C'era solo una signora inglese e un ragazzo italiano della Sicilia che sta girando da 2 mesi, Vincenzo Vitali, che avevamo già visto a Kuching.

La sera mi sono collegata su internet e per 1 ora sono riuscita a scrivere qualcosa sul blog: http://simonamalesia2010.blogspot.com/

 

simo e dea

bimbo Borneo

Semporna

Semporna Dragon Inn

 

mercoledì 21 agosto - SEMPORNA e Isola Sibuan  

simo Semporna

 

 

 

8:30, lasciamo Semporna per andare con una barca a motore a soli 10 minuti dalla costa sulle palafitte del "Singamata", dove allogeremo. Il posto sembra carino e il mare è più trasparente.

Lasciamo gli zaini e subito ripartiamo con altre persone su un'altra barca insieme ad altre persone che fanno diving e snorkeling per l'isola in programma per il giorno "SIBUAN". 45 minuti di snorkeling in mezzo a tantissimi pesci tropicali coloratissimi, coralli blu, bianchi, rosa, pesci pappagalli, stelle marine blu e purtroppo tante piccole meduse invisibili ma che si sentono terribilmente per il prurito che ti danno. Altra cosa negativa, l'acqua è sporca, piena di bottiglie, buste di plastica e mucillagine varia. Che delusione! E per fortuna che è un'area protetta! °_°

Si risale in barca e ci portano sull'isoletta. Un pò di bambini nudi girano sull'isola, giocano tra di loro facendo disegni sulla sabbia. Incredibile come la gente possa vivere ancora così, su un'isoletta piccolissima, con poche capanne e palme da cocco.

Ripartiamo per un altro giro per fare snorkeling, stavolta un pò più distante dall'isola, proprio nel punto dove il fondale marino sprofonda a picco e dove si trovano tantissimi pesci. Purtroppo anche qui ci sono le meduse. Ma che noia! Penso che sia proprio la mucillagine a portare le meduse. Sulla costa di Semporna ci sono troppi villaggetti di gente povera che inquina, scaricando a cielo aperto qualsiasi cosa. Non hanno la concezione del rispetto per la natura. Questa cosa è terribile per l'ambiente che peggiorerà sempre di più.

Si torna per pranzo e la giornata procede fino a sera al Singamata. Finalmente un pò di relax! Ho fatto un bagno anche sotto le palafitte del resort.

singamata

 

 

giovedì 22 agosto - Semporna e Isola Maiga  

Stamattina ha piovuto e il tempo non promette niente di buono. Voelvamo posticipare la giornata di snorkeling a domani, ma ci hanno detto che non era possibile. Così verso le 9:00 siamosulla barca destinazione Isola MAIGA...comincia a diluviare, la situazione è diversa dal solito e mi diverto a fare qualche foto e video dalla barca.

Ci lasciano in un posto dove il mare è un pò troppo profondo per fare snorkeling, più adatto ai divers, così chiedo se ci possiamo spostare dove è meno profondo per riuscire a vedere qualcosa. Scendiamo in acqua, siamo noi 2 e una famiglia di cinesi. Ci rendiamo subito conto che il posto di ieri a confronto era un paradiso! Qui pochi pesci e un fondale non molto ricco, ma niente meduse e mucillagine. Non si può avere tutto! ;)

Dinuovo 40 minuti in acqua e poi si risale sulla barca e andiamo a riprendere il gruppo dei diversper poi sostare un pò sull'isola, fare foto e bere latte di cocco appena colto da una noce di cocco.

Altro snorkeling dall'altra parte dell'isola. Qui un pò meglio. I cinesi avevano la macchina fotografica subacquea della lumix, fichissima, così me l'hanno prestasta per 10 minuti, mi hanno fatto anche qualche foto, speriamo di rivederle! :)

Fine snorkeling. Si torna e si mangia al buffet. Niente male la cucina, ma sempre a base riso chicken e verdure.

All'ora di pranzo è successa una cosa eccezionale, anche se spaventosa. Uno sciame di api si è fermato sul tetto di una parte del resort del Singamata. E' arrivata prima una nuvola nera di api, poi piano piano si sono poggiate sul tetto formando una rete di api mai vista prima in vita mia! Impressionante! Sono rimaste lì fino a sera, così le abbiamo fotografate e filmate. I ragazzi del posto alla fine hanno provato a cacciarle prima con la nafta e poi con il fuoco. Penso si siano beccati anche qualche puntura. Le api impazzite giravano ovunque, si sono poggiate anche su di noi, ma fortunatamente solo quando erano un pò tonte. Le api si sono spostate solo di casetta.

api

 

venerdì 23 agosto - Semporna  

simo e dea Singamata

 

 

Stamattina ho fotografato l'alba. Oggi è una bella giornata, peccato andare via. Ci sarebbe piaciuto rimanere fino al pomeriggio, ma avremmo dovuto pagare una barca 50RM in più.

10:30 si va a Semporna ed abbiamo la magnifica idea di dormire al "Dragon Inn", 1 letto al dormitorio costa solo 20RM = 5€. Il posto non è male, ma la laguna di Semporna è una vera fogna! Puzza! In acqua c'è di tutto e i motoscafiche girano all'interno contribuiscono ad inquinare anche l'aria.

Facciamo un giro e troviamo 2 varani di almeno un metro che amoreggiano nelle fognature dentro la griglia di ferro. Fortissimo! Riesco a fare un breve filmato.

C'è un mercato molto sporco lungo il mare, facciamo un giro, ma essendo entrambe in pantaloncini molto corti, attiriamo eccessivamente l'attenzione dei troppi uomini che ci sono, così usciamo e cerchiamo un posto dove mangiare. Un pò più lontano dalla zona turistica, troviamo un localino cinese dove riusciamo a mangiare per 12 RM in 2 ed anche bene, tant'è che ci ritorniamo anche per la cena.

Il pomeriggio rimaniamo al resort, ma prima organizziamo il modo per andare in aeroporto per l'indomani. Il taxi chiede 100RM, ma riusciamo ad aggregarci allo "Scuba Junki" con altri turisti, divideremo la spesa per il numero dei passeggeri.

Abbiamo passato una notte da incubo!Zanzare a bizzeffe e caldo!

  continua... in MALESIA

 

 

CSS Valido!

Votaci su Net-Parade.it sito Guestbook

© 2008 SR production